Home Scienze Letteratura Arte Enciclopedie e Opere Filosofia Storia Tempo Libero
Geografia e Turismo Fantascienza Manuali Diritto e Economia Informatica Biografie Psicologia Info
Societa' e Costumi Miscellanea Religione Romanzi Scolastici Testi Medici Libri per Ragazzi

  Il libro del mese: Settembre 2000 Indice dei mesi precedenti  
  Edward W. Said, Orientalismo, Feltrinelli, 1999  

 

Si tratta di uno studio pubblicato per la prima volta negli U.S.A. nel 1978 ed, in Italia, presso la casa editrice Bollati Boringhieri, nel 1991. Il volume, tradotto in numerose lingue, e' stato accolto con grande interesse ed ha suscitato un vivace dibattito internazionale sulle tesi in esso espresse. Viene ripubblicato da Feltrinelli con l'aggiunta di una post-fazione dell'autore del 1994 in cui si tenta un bilancio delle accoglienze al libro e sono forniti alcuni chiarimenti o risposte rispetto ai recensori.
L'autore si e' proposto di analizzare i piu' importanti studi europei sull'Oriente degli ultimi secoli e di vedere come tramite essi si sia formata una disciplina, l'orientalismo per l'appunto, che ha trattato il proprio oggetto di studio uniformando civilta' cosi' diverse come quella araba, quella indiana e quella cinese.
L'orientalismo ha appiattito civilta' diverse, generalizzandone talune caratteristiche e non tenendo conto ne' delle diversita' ne', all'interno di una singola civilta', come, ad esempio, quella mussulmana, delle sfaccettature o dei punti di vista dei rappresentati.
Ignorato da Gramsci e da Foucault Said passa in rassegna alcuni tra i piu' notevoli studi, francesi ed inglesi, sul Medio Oriente e di queste si serve per denunciare il razzismo implicito degli europei nonche' la loro genericita' nell'affrontare un argomento cosi' esteso.
L'analisi di Said e' accurata ed approfondita ed essa appare convincente nelle argomentazioni e nel tono e leggerla rappresenta veramente un'esperienza conoscitiva di grande originalita' e vitalita'.