Home Scienze Letteratura Arte Enciclopedie e Opere Filosofia Storia Tempo Libero
Geografia e Turismo Fantascienza Manuali Diritto e Economia Informatica Biografie Psicologia Info
Societa' e Costumi Miscellanea Religione Romanzi Scolastici Testi Medici Libri per Ragazzi

    Indice dei mesi precedenti  
  Jorge Volpi, In cerca di Klingsor, Mondadori, 2000  

 

Alla fine della lettura di questo romanzo viene da chiedersi quanto tempo abbia impiegato lo scrittore per portare a termine la sua fatica giacche' essa ha richiesto uno studio abbastanza vasto sulle teorie della fisica di questo secolo (relativita' indeterminazione, causalita') e sui principali fisici del secolo colti, in modo verosimile, nei loro tic fissazioni, idiosincrasie nonche' nelle pieghe meno conosciute e piu' amare della loro vita privata.
Si parla di Heisenberg, Einstein, Plank, Shrodinger, Bohr ed altri.
Volpi ci ha messo cinque anni per tirare su questo romanzo veramente corposo ed ambizioso. Corposo per il livello di studio necessario per dare verosimoglianaza romanzesca ai suoi personaggi, in particolare i fisici ed anche ambizioso perche' il romanzo sottende una visione complessiva della storia e della scienza novecentesca, quest'ultima considerata nei suoi splendori ma anche nella sua ambiguita'.
La vicenda ha inizio subito dopo la fine della seconda guerra mondiale quando un promettente fisico americanao arruolato nei servizi segreti e' inviato in Germania con lo scopo di scoprire se esisteva e chi poteva essere il massimo consulente scientifico segreto di Hitler conosciuto con lo pseudonimo di Klingsor che e' un personaggio della mitologia germanica. Ed anche l'antico mito e' utilizzato nel romanzo per dare una sorta di visione extratemporale al conflitto tra il Bene e il Male presente nell'opera.
In Germania Francis P. Bacon, cosi si chiama il fisico, conduce l'indagine affiancato da uno scienziato tedesco, Link, che e' poi, si scopre ad un certo punto, la voce narrante che rievoca, a piu' di quarantanni di distanza dai fatti, la storia. Insieme si occupano via via delle varie ipotesi sull'identita' di Klingsor ed incontrano i grandi fisici europei mentre contemporaneamente sono rievocati momenti importanti della loro vita privata che li condizionano nelle scelte e nei giudizi. Sono trattati argomenti forti: il corretto uso della scienza, amicizia versus amore, fedelta' e tradimento, individuo e storia ecc..
L'intera vicenda diventa sempre piu' incalzante fino al veramente inaspettato epilogo.
Qualche cenno va comunque rivolto alla struttura del romanzo che talvolta presenta un ritmo sostenuto quasi come un Le Carre', utilizza modi postmoderni con citazioni, riflessioni ed uso dei titoli in chiave meta-cognitiva.
Un romanzo esigente con il lettore ma veramente generoso: un pasto esauriente.